giovedì 14 aprile 2011

Ciambelline Versione 1

In Sardegna le chiamiamo ciambelline ma non sono altro che dei biscotti di frolla. Sono tipici della nostra regione. Ci sono diverse varianti per aromatizzare (come cannella, vanillina, scorza di limone). Si può usare il burro al posto dello strutto. Anche le forme sono svariate. Si possono fare semplici o anche farcire con marmellata o nutella

CIAMBELLINE

Farina   500 gr.
Lievito per dolci   1 bustina
Zucchero   200 gr.
Strutto   180 gr.
Uova   2
Scorza di 1 limone grattugiato



Setacciare la farina con il lievito per alcune volte.
Lavorare le uova con lo zucchero per poco.
Unire lo strutto morbido (ma non fuso), la scorza del limone grattugiato e, per ultimo, la farina.
Io ho usato l’impastatrice seguendo lo stesso ordine di ingredienti.

Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola e far riposare per circa 30 minuti.

Riprendere la pasta e stenderla ad uno spessore non troppo sottile.
Ritagliare le ciambelle con le form che preferiamo.
Se si vogliono fare doppie, tagliare in due dimensioni della stessa forma e, a quella più piccola, fare un foro centrale.

Sistemarle su una teglia foderata di carta forno..

Cuocere in forno a 170° per circa 9 minuti.
Quando sono fredde, spolverizzarle di zucchero a velo.

Per fare quelle doppie, sistemare sulla ciambella più grande della nutella (come ho fatto io) o della marmellata.
Spolverizzare la parte con il foro di zucchero a velo e, poi, mettere sopra l’altra parte.


4 commenti:

Federica (deri) ha detto...

mmm ma che bontà! Complimenti! ;)
Il tuo blog è ricco di piatti gustosi! Ti seguo! Vieni a visitare il mio blog, sarai la benvenuta e se ti piacciono le mie ricette registrati anche tu ;)

Baci e Buon Week-end! ;)

Federica (deri) ha detto...

Ma scusa la mia perplessità, come mai si chiamano ciambelle? Non sembrano avere la classica forma e sostanza delle ciambelle? ;)

Margi ha detto...

Noi, qui in Sardegna, le chiamiamo così.
Mi sa che voi chiamate così quelli che noi sono i "fatti fritti", giusto?

p.s. verrà sicramente a trovarti e a registrarmi

Ciao e buon weekend anche a te

Federica (deri) ha detto...

ti dico subito che essendo che voi li chiamate fatti fritti o frati fritti, mi sono dovuta documentare sul termien a noi non noto. Io sono pugliese, ma a parte questo, mi pare di capire che i frati fritti siano delle frittelle o dei simil krafpen per noi!

Comunque quelle che voi chiamate ciambelle, a quanto capisco dalla tua ricetta, per noi sarebebro dei biscottini di frolla, un pò come i canestrelli. ;)

grazie per il confronto, è semrpe bello scambiare il sapere! ;) Adesso so una cosa in più sui dolci regionali! ;)