mercoledì 30 marzo 2011

Girello di maiale con la panna



Girello di maiale 
Burro (o margarina) o olio extravergine di oliva
Vino bianco    poco
sale
panna
aglio   1 spicchio

Rosolare bene la carne nel burro (o margarina) o oloio extravergine di oliva con uno spicchio d’aglio intero.
Aggiungere il vino bianco e farlo evaporare.
Unire un pochino di acqua e continuare la cottura tenendo il fuoco basso.
Cuocere per circa 50 minuti.
Salare.
Quando è quasi cotta, aggiungere la panna.

Tagliare a fette quando si è raffreddata.


giovedì 24 marzo 2011

Bocconcini di pollo con lo zenzero




Fettine di pollo
Zenzero fresco
Cipolla
Olio extravergine di oliva
Succo di limone
Sale


Tagliare le fettine di pollo a piccoli pezzi.
Tagliare la cipolla sottile e farla soffriggere in una padella con lo zenzero tagliato a fettine e dell’olio extravergine di oliva.
Unire i bocconcini di pollo e farli rosolare.
Quando la carne è cotta, unire il succo di limone.
Salare.


Con questa ricetta partecipo al contest  "zenzeri...amo?" di Federica, del blog   Note di cioccolato 

mercoledì 23 marzo 2011

Sfoglia con stracchino



Pasta sfoglia   1 rotolo
Stracchino   250 gr.

Per fare questo piatto ci vuole veramente pochssimo tempo.
E’  deliziosa.

Accendere il forno al Max.
Nel frattempo, aprire la pasta sfoglia e allargarla un pochino con il mattarello ( io ho usato quella tonda).
Sistemarla su una teglia foderata di carta forno.
Bucherellare con i rebbi di una forchetta.
Quando il forno ha raggiunto la massima temperatura, cuocere la sfoglia per circa 5 minuti o fino a quando sarà dorata.
Mettere lo stracchino in un recipiente e passarlo nel microonde per 2 minuti.
Una volta squagliato, spalmarlo sulla pasta sfoglia: anche il liquido che n è venuto fuori.


Rimettere in forno per circa 5-6 minuti…ma dipende dal forno.

lunedì 21 marzo 2011

Sofficini

Questi sofficini sono deliziosi e facilissimi da fare.
Non hanno nulla da invidiare agli originali....anzi....
La ricetta è di Rossanina del sito   Coquinaria



farina  1 tazza
acqua  1 tazza
burro  1 cucchiaio
sale  un pizzico

uovo
pangrattato 


La pasta di partenza è simile all’impasto della pasta dei beignets.
Far bollire l’acqua con il burro e il sale. 
Appena inizia a bollire, buttare tutta la farina in una volta.
Girare molto bene con un cucchiaio di legno finché non si forma una palla di pasta che si stacca dalla pentola.
Mettere la pasta sul tavola e farla raffreddare.
Meglio manipolarla ogni tanto per evitare che si secchi in superficie.
Prenderne un pezzetto per volta e stenderlo con il matterello.
Ricavarne un disco della grandezza preferita.

Più sono piccole e più sono carini.
Siccome la pasta rimane un po’ umida usare un po’ di farina per stenderla.
Meglio non riempirli troppo altrimenti si possono aprite durante la cottura.

Passare i sofficini nell’uovo sbattuto e, poi, nel pangrattato.


Friggere in olio ben caldo.


Si possono anche congelare.

Farcire con :
·        pomodoro e mozzarella
·        prosciutto (crudo o cotto) e mozzarella
·        funghi trifolati e mozzarella
·        ricotta e spinaci

domenica 20 marzo 2011

Ciambelline

farina 1 kg
zucchero 300 gr
 burro 300 gr
 uova 5 o 6
la scorza grattugiata di 2 limoni
vanillina 2 bustine
lievito 1 bustina
ammoniaca 2-3 cucchiaini
un pizzico di sale



Mescolare tutti gli ingredienti insieme.
Stendere la pasta e fare delle ciambelline con le formine.
Sistemarle su una teglia foderata di carta forno.
Spennellarle con dell’acqua e versarci sopra un pochino di zucchero semolato.
Cuocere in forno già caldo a 170° (io uso il ventilato) per 9 minuti.

giovedì 17 marzo 2011

SEBADAS



Le sebadas o seadas sono un dolce tipico sardo anche se in origine era considerato un secondo piatto : infatti, a casa mia, mio marito e mio figlio, lo mangiano come secondo.
La tradizione vorrebbe che si utilizzasse il miele di corbezzolo ma, poi, ognuno mette quello che vuole.
Alcuni anzichè il miele, usano lo zucchero semolato.


Sfoglia
Semola finissima   400  gr.
Farina 00   200  gr.
Strutto   150  gr.
Sale   .
Acqua tiepida  q.b. ( circa 300 gr. )

Ripieno
Formaggio pecorinofresco   600  gr.
Scorza di limone grattugiata   2
Miele

Preparare la pasta : io ho usato la planetaria.
Impastare tutti gli ingredienti insieme : incorporare l’acqua tiepida poco per volta.
Avvolgerla nella pellicola e farla riposare per circa 30 minuti.

Per quanto riguarda il ripieno ci sono varie versioni.
Io, oggi, ho fatto quella che ho sempre visto fare a mia mamma.

1° versione ( procedimento di mia mamma)
Grattugiare il formaggio con il mixer e unire la scorza dei limoni grattugiata.


2° versione
Tenere il formaggio fuori dal frigo per 2 giorni.
Mettere il formaggio in un tegame con 120 gr. di acqua.
Appena l’acqua inizia a bollire, il formaggio inizierà a sciogliersi.
Quando il formaggio comincia a sciogliersi, unire la scorza di limone grattugiata e la semola.
Farlo raffreddare.
Formare delle palline e metterle su un telo in semolato.
Schiacciarle.

Assemblaggio.

Trascorso il tempo di riposo, stendere la pasta ad uno spessore sottile ma non troppo.
Tagliare dei cerchi di circa 11-12 cm. di diametro.
Mettere al centro il formaggio (abbondare altrimenti rimangono mezzo vuote) e coprire con un altro disco.



Sigillare molto bene i bordi : si può fare anche con i rebbi della forchetta tanto una volta fritte non si vedono i segni).



Friggere in olio caldo per pochi minuti.


Si servono facendo colare sopra del miele.




lunedì 14 marzo 2011

Pasta con ricotta


pasta corta
ricotta
zafferano   1 bustina
pepe

E' una pasta velocissima ma molto buona.

Cuocere la pasta: meglio utilizzare pasta corta.
Mettere in una grande ciotola la ricotta e schiacciarla conuna forchetta.
Sciogliere lo zafferano in de dita di acqua di cottura della pasta e, poi, versarlo sulla ricotta.
Mescolare bene.
Scolare la pasta e versarla sulla ricotta.
Servirla con una grattugiata di pepe.

martedì 8 marzo 2011

Panini al latte


Questa è una ricetta che ho preso dal sito  Giallo Zafferano.
E' spiegato molto bene : c'è anche la video ricetta.
Finalmente ce l'ho fatta...li avevo già fatti altre volte ma non mi erano venuti molto bene.

Questa volta sono super soddisfatta.


Ingredienti
Latte fresco intero   300-320 ml.
Zucchero  60 gr.
Lievito di birra secco  1 bustina da 7 gr. o un panetto di quello fresco da 25 gr.
Sale  7 gr.
Burro morbido  50 gr.
Farina manitoba   500 gr.

Per spennellare i panini latte e uovo

Io ho usato il latte parzialmente scremato
Mettere il lievito di birra (io ho utilizzato quello in bustina) in una ciotolina o in un bicchiere.
Aggiungere 1-2 cucchiaini di zucchero e del latte tiepido (35°), togliendolo dalla dose indicata.
Mescolare bene.
Fare la stessa cosa se si usa il lievito di birra fresco.
Aggiungere al latte restante lo zucchero avanzato e il sale: sciogliere bene.

Mettere in una grande ciotola la farina manitoba, fare una conca al centro e mettere il lievito sciolto nel latte e il latte in cui è stato aggiunto zucchero e sale.
Far fondere il burro e unire anche questo.

Impastare bene fino a quando si sarà raggruppato in unica palla.
Allora, si può procedere ad impastare su un piano di lavoro.
Si deve lavorare per almeno 15 minuti: il composto deve risultare morbido, elastico ma non appiccicoso.
Si può lavorare il tutto in una planetaria utilizzando il gancio.

Una volta formato la palla, trasferirla sul piano di lavoro spolverizzando appena di farina.
Quando è liscio ed omogeneo, metterlo in una grande ciotola coperta con la pellicola trasparente e far lievitare per 2 ore o fino a quando raddoppia il volume in un luogo lontano da correnti d'aria: io l'ho messo dentro il forno (spento).
Dopo 2 ore circa è lievitato.

Mettere l’impasto sul piano di lavoro, rimpastare, utilizzando un velo di farina solo per non far appiccicare.
Fare un salsicciotto.
Tagliare dei pezzetti di 30 gr. cadauno.

A questo punto, impastare portando le estremità esterne verso l’interno.
Poi girare le estremità facendole saldare bene.
Sistemarle su una teglia foderata di carta forno.
Spennellare i paninetti con del latte a temperatura ambiente.
Far lievitare per altri 30 minuti o fino a quando raddoppiano di volume.

Una volta raddoppiati di volume, sbattere un uovo e spennellarli.

Cuocere in forno a 220° per 18 minuti.
Nel mio forno sono bastati 10 minuti.









lunedì 7 marzo 2011

Torta Hello Kitty ( 2 )


Questa torta l'ho fatta 3 anni fa per il compleanno della mia bambina (che all'epoca faceva 20 anni !!!!)

INGREDIENTI

pan di spagna
fragole

per la bagna
acqua   300 gr.
zucchero   120 gr.
succo d'arancia   600 gr.

crema chantilly :
crema pasticcera
panna montata   200 gr. circa

per la decorazione :
panna montata
fragole
scagliette di cioccolato rosa
palline argentate
granella di cioccolato scuro



Preparare un  pan di spagna.
Io, solitamente, lo preparo il giorno prima.


Fare la crema pasticcera.
Quando è fredda, aggiungere la panna montata, mescolando delicatamente mescolando dal basso verso l'altro, come si fa per gli albumi montati a neve.
Ecco pronta la crema chantilly.


A questo punto preparare la bagna.
Far bollire l’acqua con lo zucchero.
Togliere dal fuoco e aggiungere il succo.
Mescolare bene.
Dividere la torta a metà e inzuppare la base con un pennello al silicone o con l'apposita bottiglia forata.
Tagliare le fragole a fettine, tenendo da parte le migliori che serviranno dopo per la decorazione.
Spalmare la crema chantilly con una spatola e sistemare sopra le fragole ricoprendo tutta la base 
Posizionare sopra l'altra metà del pan di spagna.


Inzuppare con la bagna la superficie.
Ora stendere la panna montata con una spatola.
Sistemare al centro l'ostia e spennellarla con l'apposita gelatina per postie: se non si fa questa operazione, l'ostia rimane dura e, quano si taglia la torta, si stacca dalla torta e diventa una schifezza.


Iniziare la decorazione: io ho messo dei ciuffi di panna montata lungo tutta la circonferenza della torta e intorno alla cialda.
Intorno alla torta  ho messo la granella di cioccolato scuro ( si può mettere anche la granella di nocciole).
Posizionare le fettine di fragole in mezzo ai ciuffi di panna grandi e le palline argentate sui ciuffetti piccoli.
Nello spazio fra i due cerchi di ciuffetti ho messo le scaglitte di cioccolato rosa.


Mamma mia quanto è lungo da spiegare!!!!!!!!!!!!!!!!


Vi giuro che farla è moooooooooolto più semplice....


Se non sono stata chiara qualcosa chidete pure....

venerdì 4 marzo 2011

Culurgiones



Per la pasta
Uovo intero   1
Farina 00   200 gr.
Semola   300 gr.
sale

Per il ripieno:
patate rosse   500 gr.
aglio   2 spicchi
menta secca  
pecorino fresco   100 gr.
pecorino stagionato   100 – 150 gr.
olio   (facoltativo)


Preparazione del ripieno


Lessare le patate con la buccia, pelarle e passarle nello schiacciapatate.
Unire gli spicchi d’aglio tritati, la menta secca, il pecorino fresco e stagionato tritati.
Mescolare bene.

Preparazione della pasta

Lavorare la farina con l’acqua e il sale fino a quando la pasta diventa elastica.
Avvolgerla nella pellicola trasparente e farla riposare per circa 30 minuti.
Stendere la pasta e ricavare dei dischetti di circa 7-8 cm. di diametro.
Mettere al centro una pallina di ripieno: il culurgiones deve essere bello pieno.
Ora viene il momento più difficile.
Prendere il disco con il ripieno con lamano sinistra, piegarlo a metà e cominciare a chiudere.
Pizzicare la pasta tra il pollice e l’indice, spingendola verso l’interno: pizzicare con il pollice prima a destra e poi a sinistra, spingendo sempre verso l’interno : in questo modo si formerò proprio la spiga.
Continuare sempre nello stesso modo fino alla fine fomando una puntina finale.


Mamma mia, quanto è difficile spiegarlo !!!!!!!!!!!!!

Ora si possono cuocere.
Cuocere in abbondante acqua salata per circa 5-6 minuti.

Condire con un normale sugo di pomodoro o anche, semplicemente, con burro e parmigiano.


martedì 1 marzo 2011

7 cose di me

7 cose di me

Qualche giorno fa ho ricevuto questo premio da Federica, oggi da Cinzia e, qualche settimana fa, da unaltra persona, ma non risesco a ricordarmi chi fosse.... 


E' arrivato il momento in cui, acneh io, devo raccontare qualche cosa di me.

Mi chiamo Margi e abito a Cagliari
Ho 49 anni e sono casalinga.
Mi sono sposata all’età di 24 ani (ben 25 anni fa anni fa).

Ho due figli: Federica, che sta per compiere 23 anni ed è già laureata in Scienze Politiche e Simone che fra pochi mesi compirà 18 anni.

Ho smesso di lavorare nel 94 per poter seguire meglio i miei figli durante la loro crescita.
Se tornassi indietro rifarei tutto perché ne è valsa la pena.

Appena sposata non sapevo cucinare nulla….neanche un semplice sugo. Piano piano ho imparato, chiedendo un po’ a mia mamma, un po’ a mia suocera, un po’ curiosando qua e là.

Senza neanche rendermene conto la cucina è diventata una vera e propria passione.
Adoro provare cose nuove.

Sono molto golosa di dolci anche se cerco di mangiarne il meno possibile per non ingrassare.

Scarico centinaia di ricette ma penso che non mi basterebbe una vita per provarle tutte!!!!!!!!!!!!!


A questo punto, giro il premio ad altri 10 blog che seguo anche se ormai penso che l'abbiano ricevuto già tutti.
Se non avete voglia di rispondere...NO PROBLEM!!!!!,
















Zuppa di pomodoro

pomodori pelati   800 gr.
carote   2
cipolla   1
aglio   1 spicchio
patata   1-2
sale
pepe
prezzemolo
sedano   2 gambi
origano
acqua   400 ml.


Far soffriggere in una pentola uno spicchio d'aglio diviso a metà.
Quando è dorato, toglierlo.
Unire la cipolla tritata e il sedano e la catota tagliati a dadini.
Far cuocere a fuoco basso pr circa 10 minuti, mescolando ogni tanto.
Unire i pelati schiacciati un pochino con una forchetta, 400 ml. di acqua, sal e pepe.
Abassare la fiamma e cuocere per 15 minuti.
Unire le patate tagliate a dadini.
Mettere il coperchio e cntinuare a cuocere per 30 minuti.
Frullare il tutto conil frullatore ad immersione.
Servire con crostini di pane.