lunedì 30 dicembre 2013

Cavolo soffocato

Il cavolo soffocato (cauli a frori suffucau) è un tipico contorno sardo. E’ un piatto della cucina povera ma non per questo non saporito, anzi…. Ricordo che, quando ero piccola, odiavo quando mia madre lo preparava soprattutto per l’odore…
Si chiama “soffocato” perché anticamente veniva cotto in un tegame ricoperto di brace.


Lavare il cavolo e tagliarlo a pezzetti o dividerlo in cimette. 
Rosolare la cipolla con l’olio extravergine di oliva.
Unire il cavolo e farlo insaporire per qualche minuto.
Abbassare il fuoco, unire 2-3 cucchiai di acqua e mettere il coperchio.
Cuocere per circa 20 minuti.
Unire le olive verdi denocciolate.
Se serve, aggiungere un pochino di acqua.
Proseguire la cottura per altri 5-10 minuti.

Volendo, si può aggiungere del pomodoro secco quando si mette la cipolla

Se volete leggere la ricetta in inglese  cliccate qui

If you want to read this recipe in english  click here

mercoledì 4 dicembre 2013

Torta di amaretti


Questo è un dolce semplicissimo ma molto profumato grazie alla presenza degli amaretti. Volendo, si potrebbe arricchire con una ganache al cioccolato m, vi assicuro, che è buonissima anche così.

È una ricetta che ho trovato nel Ricettario Base del Bimby.


Ingredienti

farina 250 gr
zucchero 200 gr
 amaretti in polvere 150 gr
 uova 4
 olio di semi 90 gr
lievito 1 bustina
un pizzico di sale


Tritare nel mixer gli amaretti.

In una ciotola, mescolare la farina, lo zucchero, le uova intere, l’olio e un pizzico di sale (io non lo metto mai).
Quando il composto è ben amalgamato, unire gli amaretti polverizzati e il lievito.
Versare l’impasto in una teglia imburrata ed infarinata.
Cuocere in forno a 180° per circa 30-35 minuti.

Versione con il Bimby:
Mettere nel boccale del Bimby gli amaretti e polverizzarli per 10 secondi a vel. 3 e metterli da parte.
Mettere ora nel boccale tutti gli altri ingredienti meno il lievito e impastare per 1 minuto a vel.3
Aggiungere gli amaretti e il lievito e mescolare per 10 secondi a vel. 4
Versare l’impasto in una teglia imburrata e infarinata e cuocere in forno caldo per circa 40 minuti.


domenica 24 novembre 2013

Tonno fresco alla carlofortina

Eccomi con una nuova ricetta!!! Come tutti sappiamo, si dovrebbe mangiare il pesce 2-3 volte la settimana. Purtroppo, io non lo amo molto. In casa mia, lo apprezza solo mia figlia. Però adoriamo gamberoni, cozze, vongole…
Una mattina sono andata al mercato con mia figlia e abbiamo deciso di provarlo.
Oggi l’ho preparato in tre modi diversi. Oggi vi propongo una ricetta (nei prossimi giorni pubblicherò anche le altre)


Ingredienti

Tonno fresco
Aceto
Vino bianco
Cipolle (facoltative)
Pomodorini
Foglie di alloro
Olio extravergine di oliva
Sale

Mettere un filo di olio in una padella e, quando è caldo, unire il tonno. La prossima volta, lo taglierò a pezzi in modo che il condimento venga assorbito meglio.
Quando il tutto sarà dorato, aggiungere l’aceto e proseguire la cottura fino a quando sarà evaporato.
A piacere, si può sfumare con del vino bianco.
Quindi, incorporare le fettine di cipolla, i pomodorini divisi a metà e 4-5- foglie di alloro.
Cuocere per altri 10-15 minuti.
Se tende ad asciugarsi, unire un goccino di acqua. A fine cottura, unire un pizzico di sale.



Se volete leggere la ricetta in inglese  cliccate qui

If you want to read this recipe in english  click here 

lunedì 18 novembre 2013

Fettine alla Kita


Le fettine si possono fare in tantissimi modi.Oggi, vi propongo un’idea semplice e veloce ma molto buona. È una ricetta di mia mamma.
Sono necessari pochissimi ingredienti: basteranno delle fettine, mozzarella, mortadella, olive e pochissimo burro.


Fettine di maiale
Mortadella
Mozzarella 
Olive
Sale

Burro

Mettere in una pirofila pezzettini di burro e adagiarvi sopra le fettine di maiale.
Coprire con  la mortadella e le fettine di mozzarella in modo da ricoprire la carne.
Mettere su ogni fettina 2- 3 olive e qualche fiocchettino di burro.
Salare.
Cuocere nel forno già caldo a 180° fino a quando si sarà sciolta la mozzarella.

martedì 22 ottobre 2013

Tortino di zucchine

Il tortino di zucchine è un piatto delizioso. A volte la preparo anche con la pasta sfoglia o la  pasta brisée.


Per chi ama i finger food (io sono una fanatica!!!) si possono preparare anche dei mini tortini utilizzando gli stampini per tartellette.



Zucchine   1 kg.
Cipolla   ½
Aglio   1 spicchio
Prezzemolo
Basilico  
Sale
Uova   2
Parmigiano grattugiato   3-4 cucchiai
Sottilette o altro formaggio a piacere
Pangrattato

Olio extravergine di oliva




Tritare finemente la cipolla e lo spicchio d’aglio.
Far soffriggere con dell’olio extravergine di oliva.
Unire le zucchine tagliate a cubetti e far rosolare bene.
Mettere il coperchio e far cuocere fino a quando diventano morbide (ci vorranno 15-20 minuti).
A metà cottura unire del prezzemolo e del basilico tritati e il sale.
Quando sono cotte, farele raffreddare.
Aggiungere le uova, il parmigiano grattugiato e il formaggio a pezzettini.
Foderare di carta forno una teglia e versarci dentro il composto.
Livellare bene  e cospargere di pangrattato e parmigiano grattugiato.
Cuocere in forno a 180° per circa 20-25 minuti o fino a quando la superficie sarà dorata.

Se volete leggere la ricetta in inglese   cliccate qui

If you want to read this recipe in english   click here


martedì 15 ottobre 2013

Tacchino in salsa di soia

Questa è una ricetta che ho sempre visto fare da mio papà quando ancora la cucina etnica non era così diffusa come ora.
L’utilizzo della salsa di soia da un saporino eccezionale.
Questa salsa è originaria della Cina ed è un ingrediente comunissimo della cucina asiatica.
Essendo molto ricca di sale, è sconsigliata a chi fa diete iposodiche.


Ho sempre utilizzato la coscia per preparare questa ricetta. L’ultima volta che sono andata a fare la spesa, ho visto le ali e ho deciso di provarle. Il risultato è stata eccellente. Devo dire che le ali sono risultato migliori e non hanno i nervetti che invece hanno le cosce.


Coscia o ali di tacchino
Aglio   1 spicchio
Cipolla   1/2
Vino bianco   ½ bicchiere
Salsa di soia   3-4- cucchiai
Patate   4-5
Rosmarino   un rametto

In un tegame, far soffriggere la cipolla tritata finemente e uno spicchio d’aglio intero o diviso a metà
Unire la coscia di tacchino e far rosolare bene.

Sfumare con del vino bianco e farlo evaporare..
Mettere il coperchio e abbassare il fuoco al minimo.
Se serve, unire un pochino di acqua.
Dopo circa 25 minuti, aggiungere le patate tagliate a tocchetti della salsa di soia e un rametto di rosmarino.
Non mettere sale in quanto la salsa di soia è già salata.
Proseguire la cottura fino a quando le patate saranno morbide.

martedì 8 ottobre 2013

Piselli con pancetta


I piselli con pancetta sono un piatto semplicissimo e, sicuramente, conoscono tutti.


È un ottimo contorno per tanti piatti, sia di carne sia di pesce ma si possono usare anche come condimento per la pasta o il riso.



Pisellini surgelati   500 gr.
Pancetta affumicata   100-120 gr.
Cipolla
Olio extravergine di oliva
Sale

Far rosolare con dell’olio extravergine di oliva, la cipolla tritata finemente e la pancetta affumicata tagliata a dadini.
Unire i pisellini e fa insaporire per qualche minuto.

Aggiungere un pizzico di sale e un mestolo di acqua calda.
Mettere il coperchio e proseguire la cottura.
Se serve, aggiungere altra acqua calda.

giovedì 3 ottobre 2013

Risotto allo zafferano

Oggi vi propongo ilo risotto allo zafferano che differisce da quello alla milanese che viene preparato con il midollo di bue e senza l’aggiunta di vino.
E’ molto semplice da preparare.

Se ne dovesse avanzare, basta aggiungere un uovo, un pochino di grana grattugiato e fare delle crocchette.


Riso Carnaroli   350 gr.
Scalogno o cipolla   1/2
Burro   50-60 gr. per soffriggere e 50 gr. per mantecare
Brodo vegetale   600-700 ml.
Sale
Zafferano   1 bustina
Parmigiano
Vino bianco   ½   bicchiere

Tritare finemente la cipolla o lo scalogno e farla soffriggere con il burro.
Unire il riso e farlo tostare.
Aggiungere il vino bianco e farlo evaporare.
Incorporare il brodo caldo e, man mano che viene assorbito, unirne dell'altro. Continuare così fino a completa cottura.
A metà cottura, unire lo zafferano sciolto in un pochino di brodo.
Salare.
A fuoco spento, mantecare con del burro e del parmigiano.
Far riposare qualche minuto prima di servire

Se vuoi leggere questa ricetta in inglese  clicca qui
If you want to read this recipe in english   click here

mercoledì 25 settembre 2013

Merluzzo impanato al forno

Ecco un’altra ricetta per mangiare pesce. Si possono utilizzare filetti di merluzzo o di platessa, freschi o congelati. La cosa importante è quella di farlo scongelare completamente.

È semplicissimo da preparare

Filetti di merluzzo surgelati   3-4
Succo di 1 limone
Pangrattato
Prezzemolo tritato
Sale
Pepe
Olio   2-3 cucchiai

Far scongelare il pesce.

In una pirofila, mescolare il succo di limone con l’acqua, sale e pepe.
Immergere i filetti di merluzzo e farli marinare per circa 30 minuti.

A questo punto, scolare i filetti di merluzzo e passarli nel pangrattato mescolato con del prezzemolo tritato.

Sul fondo di un’altra teglia, mettere un pochino della marinatura.
Sistemare il pesce e irrorarli con altro liquido.

Cuocere in forno a 180° per circa 20-25 minuti.

lunedì 23 settembre 2013

Pasta con pesto alla siciliana

Qualche giorno fa, ho preparato il pesto alla siciliana. Semplicissimo da preparare e veramente squisito.
È una variante del pesto genovese…solo che qui ci sono i pomodori. Io ho usato i ciliegini che trovo deliziosi e molto saporiti.
Essendo una ricetta regionale, ovviamente, ne esistono diverse versioni. Alcuni lo fanno con i pomodori secchi altri sostituiscono i pinoli con le mandorle (pesto trapanese).
Si prepara tutto a crudo.
Con questa dose ne viene abbastanza: infatti io ne ho surgelato due vasetti.


Ricotta   150 gr.
Aglio   1
Pomodorini ciliegia   500 gr.
Basilico
Pinoli   50 gr.
Parmigiano grattugiato   100 gr.
Olio extravergine di oliva   150 ml.
Pepe

Lavare le foglie di basilico e asciugarle delicatamente con un canovaccio.
Mettere tutti gli ingredienti nel mixer e frullare.

A questo punto, condire la pasta con il pesto alla siciliana.

A piacere, aggiungere del parmigiano grattugiato e una spolverata di pepe.


Se vuoi leggere questa ricetta in inglese clicca qui
If you want to read this recipe in english click here



giovedì 19 settembre 2013

Filetti di merluzzo al forno

Ciao a tutti…è da tanto tempo che non scrivo…esattamente da maggio.
Magari nessuno se ne è accorto di questa mia assenza!!!  Durante questi mesi di lontananza, non sono rimasta con le mani in mano…anzi…ho cucinato tante cose che, naturalmente, ho documentato con foto che, poco per volta, posterò.
Come avete notato ho cambiato un pochino l’impaginazione….per la verità l’ha fatto mio figlio!!!! Stio ancora valutando se i colori vanno bene….
Cominciamo con una ricettina semplicissima. A casa mia, eccetto mia figlia, nessuno ama il pesce.
Qualche giorno fa, ho fatto i filetti di merluzzo in due modi diversi e, cosa eccezionale, è stato approvato da tutti!!!     Oggi ne pubblico una….fra qualche giorno metto anche l’altra.


Filetti di merluzzo   4-5
Olive nere
Patate lessate   3-4
Pomodorini   250 gr.
Succo di un limone
Basilico
Sale
Pepe
Olio extravergine di oliva   2-3 cucchiai


In una ciotola, mescolare il succo del limone con l’olio extravergine di oliva, sale e pepe.
Sistemare i filetti di merluzzo in una pirofila e bagnarli con il condimento preparato.
Farli marinare per circa 30 minuti.

Far lessare le patate ma non devono essere molli.
Io le ho messe in un contenitore di pyrex con un pochino di acqua, coperchio sempre di pyrex e cotte al microonde per 5 minuti.

Trascorso il tempo di marinatura, disporre tra un filetto e l’altro le patate tagliate a rondelle, i pomodorini tagliati a pezzettini e le olive nere.
Regolare di sale e pepe.
Ultimare con un filo di olio.
Cuocere in forno già caldo a 200° per circa 20 minuti.

Una volta tolto dal forno, decorare con delle foglie di basilico.


martedì 14 maggio 2013

STICK ALLA PIZZAIOLA


Una ricettina molto sfiziosa e velocissima da preparare.
L’ho trovata su Internet ma non ricordo dove!


Farina   180 gr.
Parmigiano   100 gr.
Burro   80 gr.
Concentrato di pomodoro o ketchup
Sale
Olio
Origano

Impastare tutti gli ingredienti : io ho usato l’impastatrice.

La ricetta originale dice di metterlo solo sopra ma io ho messo dell’origano anche nell’ impasto.
Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola trasparente e farlo in riposare in frigo per circa 20-30 minuti.


Stendere la pasta e ritagliare delle striscioline. Io ho fatto anche dei torcetti e dei cuoricini.
Spennellare con l’olio e cospargerle di origano.
Sistemarle in una teglia foderata di carta forno.
Cuocere in forno già caldo a 180° per circa 15 minuti.










lunedì 6 maggio 2013

Barrette ai due cioccolati

Questa  è una ricetta che può servire per smaltire degli avanzi di cioccolato.
Non sono buone….sono buonissimissime!!!!
E’ una ricetta che ha fatto Gessa Telisio durante una puntata di Cotto e Mangiato.

Cioccolato al latte   160 gr.
Cioccolato bianco   100 gr.
Riso soffiato   20 gr.


Spezzettare il cioccolato e metterlo in due ciotole separate.
Scioglierli a bagnomaria o nel microonde.
Unire al cioccolato bianco il riso soffiato.
Foderare una teglia con la carta forno.


Stendere metà del cioccolato al lattee fare uno strato non troppo sottile, cerando di dare una forma rettangolare.
Spalmare sopra il composto di cioccolato bianco e riso soffiato.
Per ultimo, strato del restante cioccolato al latte.
Conservare in frigo per qualche ora.
Tagliare come preferiamo.

Io usato la teglia in ceramica quadrata.
Secondo noi, si può aggiungere la quantità di riso soffiato.

sabato 6 aprile 2013

Pollo Tandoori



Il pollo tandoori è un piatto tipico della cucina indiana.
Il tandoor è un forno di argilla a forma di campana rovesciata in cui la legna o il carbone arrivano ad una temperatura di anche 480°.
Si possono usare sia le ali sia le cosce del pollo. Si deve marinare in una salsa fatta con yogurt e le spezie per tandoori: da qui la tipica colorazione rossa.  Queste spezie contengono soprattutto chili rosso. Si può usare anche la curcuma che darà una colorazione arancio.
In India viene cotto nel tandoor a temperatura molto elevata ma pùo essere preparato anche su una griglia.


Togliere la pelle al pollo e praticare dei tagli profondi con un coltello.
Metterle in un contenitore con il succo di limone e un filo di olio.
Conservare in frigo e far marinare per una notte.
A piacere, dopo qualche ora, aggiungere un altro pochino di spezie.
Il giorno dopo, mescolare lo yogurt con altre spezie.
Scolare il pollo e immergerlo nello yogurt.
Sistemarle su una teglia foderata di carta forno bagnata e strizzata.
Cuocere in forno a 200° per circa 20-30 minuti.

Servire con delle fettine di limone e del riso basmati.

VARIANTE
Si possono lasciare immerse nel succo di limone e olio per circa 1 ora.
Trascorso questo tempo, unire le altre spezie e lo yogurt.
Mescolare bene.
Sistemare pollo e marinatura dentro ad un sacchetto grande da freezer e conservare in frigo per una notte.









mercoledì 3 aprile 2013

Burger buns

I burger buns sono i classici panini da hamburger. Fatti in casa sono tutta un’altra cosa. Si possono fare anche piccolini e farcirli come vogliamo.
Non sono per niente difficili: ci vuole solo tempo per la lievitazione.

La ricetta è quella di Laurel Evans

Acqua calda   180 ml.
Burro ammorbidito   30 gr.
Uovo   1
Farina   450 gr.
Zucchero   50 gr.
Sale   1 cucchiaino
Lievito di birra secco   1 bustina

Per la copertura
Uovo
Acqua   1 cucchiaino
Semi di sesamo




Mettere tutti gli ingredienti nella planetaria.
Impastare per circa 10 minuti.

Mettere in una ciotola leggermente unta di olio e coprire con un canovaccio.
Far lievitare per 2 ore o fino a quando raddoppia di volume.

Sgonfiare un pochino l’impasto.
Formare un panetto e tagliarlo in 8 parti.
Formare con ciascuno un disco dello spessore di circa 2,5 cm. e di un diametro di 8 cm.

Sistemare su una teglia leggermente unta di olio.
Coprire e far lievitare per 1 ora.

Spennellare i panini con l’uovo sbattuto con un cucchiaino di acqua.
Spolverare con i semi di sesamo.
Cuocere in forno a 190° fino a quando appaiono dorati



lunedì 1 aprile 2013

Crostata di frutta


Due mesi e mezzo che manco dal blog....in questo periodo ne ho approfittato per mettermi a posto le ricette, fare le foto dei piatti e provare nuove pietanze!!!!


Oggi, saremmo dovuti andare in gita, ma qui a Cagliari il tempo fa schifo...PIOVE!!! Ho pensato,quindi, che era giunto il momento di aggiornare il blog.....


Vista la mia prolungata assenza ho deciso di ripartire con un dolce.

La crostata di frutta è un dolce facile ma buonissimo.Si può usare qualsiasi tipo di frutta....certo in estate c'è più varietà.....

Io vi propongo quelle che ho fatto in diverse occasioni....



gelatina

frutta fresca



Foderare con la pasta frolla una teglia imburrata ed infarinata.
Bucherellare il fondo con una forchetta.
Coprire la pasta con della carta forno e disporre sopra dei fagioli secchi.
Cuocere in forno per circa 20-30 minuti.

Togliere il guscio di frolla e sistemarlo su un piatto.
Quando è fredda, versarci sopra la crema pasticcera e livellare bene.
A questo punto, decorare con la frutta fresca.
Per ultimo, spennellare la superficie con della gelatina.
Conservare in frigo.









lunedì 14 gennaio 2013

Cannoli siciliani

I cannoli siciliani sono un tipico dolce della pasticceria siciliana.
Sicuramente, ne esisteranno tantissime versioni: questa l'ho imparata, diversi anni fa, ad un corso di pasticceria.
Speriamo che non insorgano i siciliani.....a noi sono piaciuti moltissimo.
Io ho preferito non mettere le ciliegine alle estremità perché non mi piacciono.....e, quindi, abbiamo optato per le gocce di cioccolato fondente....buonissimi!!!!!


Cialde
Strutto   50  gr.
Farina   1  kg.
Uova intere   2
Sale   15  gr.
Vino bianco o marsala   400  gr.
Zucchero   15  gr.     
Cacao amaro   1  cucchiaino
Cioccolato fondente

Farcia

Ricotta   700  gr.
Zucchero a velo   300  gr.
Maraschino   30  gr.
Macedonia candita (o arancia o cedro)   100  gr.
Gocce di cioccolato fondente   100  gr.

Preparazione
Mettere nella planetaria la farina setacciata, il sale, lo zucchero, le uova e lo strutto.
Se si vuole un impasto scuro unire 1 cucchiaino di cacao amaro.
Poco per volta, unire il vino o il marsala.
Lavorare per circa 5 minuti.
Mettere la pasta sul tavolo infarinato e lavorarla un po’ a mano.
Stendere la pasta con la macchinetta e poi tagliare dei cerchi grandi.
Se non vogliamo usare la macchinetta, fare un grosso rotolo e poi tagliarlo a tocchetti. Stendere poi col matterello e tagliare i cerchi.

Preparare il collante : sbattere 1 uovo con 2 cucchiai di farina e 3 cucchiai di acqua.

Avvolgere il cerchio nel cilindro : deve rimanere largo.
L’uovo serve per tenere incollata la pasta al cilindro.

Friggere i cannoli nello strutto (io preferisco l’olio).
Staccarli dal cilindro e metterli in una teglia.

FACOLTATIVO
Sciogliere del cioccolato fondente a bagnomaria.
Con un pennello spalmare l’interno con il cioccolato . in questo modo si impermeabilizzano e non si rammolliscono quando saranno farciti.
A questo punto si possono conservare in una scatola di latta o in frigo.

Farcia

Passare la ricotta al setaccio.

La ricotta deve risultare liscia e senza grumi.
Unire lo zucchero a velo passandolo dal colino.
Amalgamare a mano con una frusta.
Aggiungere il maraschino e, poi,  unire i canditi.
Per ultimo, incorporare le gocce di cioccolato fondente e mescolare pochissimo sempre con la frusta.
Anziché le gocce di cioccolato si può utilizzare del cioccolato tagliato a pezzettini.
Il cioccolato va unito all’ultimo momento altrimenti la ricotta si annerisce.

Mettere il ripieno nella tasca di tela e riempire i cannoli.
Allisciare le estremità con una spatola.
Mettere alle estremità dei pistacchi tritati oppure una ciliegina.
Spolverizzare di zucchero a velo.