mercoledì 23 luglio 2014

Gelato al cioccolato bianco

Il gelato al cioccolato bianco è qualcosa di delizioso. Pochi ingredienti per un risultato eccezionale. Come tutti i gelati, è velocissimo da preparare.
E’ necessario avere il Bimby o una gelatiera.

Il gelato al cioccolato è la pallina bianca, gli altri sono “cioccolato” e “tiramisu”.


Cioccolato bianco   130 gr.
Latte   300 gr.
Panna   100 ml.
Zucchero   90-100 gr.


GELATIERA
Tagliare il cioccolato a pezzettini e farlo sciogliere con una parte del latte, a bagnomaria.
Quando è completamente sciolto, trasferirlo in una ciotola.
Unire il restante latte, in cui è stato sciolto precedentemente lo zucchero,  e la panna.
Mescolare bene.
Conservare in frigo per circa 15 minuti.
Versare il composto nella gelatiera : ci vorranno circa 40-45 minuti.

BIMBY
Inserire nel boccale il cioccolato a pezzetti: 10 secondi   Velocità 7.
Sciogliere il cioccolato: 3 minuti   50°   Velocità 3.
Aprire il boccale e, con l'aiuto della spatola, raccogliere il cioccolato che si è distribuito nelle pareti.
Ancora 3 minuti   50°   Velocità 3.
Aggiungere lo zucchero, il latte e la panna : 1 minuto   Velocità 6.
Versare il composto in un recipiente largo e basso e far raffreddare completamente.
Mettere in freezer per tutta la notte o fino a quando è completamente congelato (almeno 3 ore).
Al momento di servire, tagliarlo a cubetti ed inserire il tutto nel boccale.
Mantecare : 10 secondi  Velocità 9  e 20 secondi  Velocità 4, spatolando.

Se volete leggere la ricetta in inglese, cliccate qui
If you want to read this recipe in english, click here

venerdì 11 luglio 2014

Pane all'olio

Era tanto tempo che avevo in testa di fare il pane e oggi finalmente ci ho provato. Ho cominciato a cercare informazioni su internet  e, alla fine, ho optato per la ricetta di Sonia Peronaci. Non potete immaginare la mia felicità quando l’ho sfornato!!!! C’era un profumo di pane in tutta la casa!!! È rimasto morbido anche di notte, cosa che ultimamente, quando lo compro in panificio, non succede. Io ho usato metà manitoba e metà farina 00, e circa 8 gr. di lievito di birra fresco anziché 12,5 gr. Provateci, non è per niente difficile. Io ho impastato con la planetaria, ma si può fare anche a mano o con il Bimby.

Farina 00   250 gr.
Farina Manitoba   250 gr.
Acqua   300 ml.
Olio extravergine di oliva   50 gr.
Sale   8 gr.
Lievito di birra fresco   12 gr. (ma io ne ho messi 7-8 gr)
Zucchero   1 cucchiaino


 In un bicchiere sciogliere il lievito di birra in poca acqua (togliendola dalla dose ) e un cucchiaino di zucchero.

In un altro bicchiere, sciogliere il sale con un pochino di acqua e l’olio.

Mettere nella planetaria, le farine setacciate e il composto di acqua, lievito e zucchero.
Cominciare ad impastare, incorporando la restante acqua, poco per volta, alternarla con il mix di acqua, olio e sale.
L’acqua potrebbe anche non servire tutta.
L’impasto è pronto quando si formerò una palla.

A questo punto, trasferire l’impasto in una ciotola leggermente infarinata e coprirla con della pellicola.
Far lievitare per circa 2 ore nel forno chiuso e spento o, se si vuole accelerare il processo di lievitazione, tenere la lucina accesa.

Se si vuole utilizzare meno lievito, basta farla lievitare più a lungo.

Quando la pasta ha raddoppiato di volume, rimetterla sulla spianatoia leggermente infarinata.
Fare le forme che vogliamo. Io ho provato a farne di diversi tipi: treccia, tonde, simil rosetta.
Sistemare i panini su una teglia foderata di carta forno e far lievitare, sempre nel forno, per circa 1 ora. Mettere sul fondo del forno, una ciotolina con dell’acqua per evitare che l’impasto si possa seccare.

Cuocere in forno caldo Statico a 200° per circa 35-40 minuti.

    

lunedì 7 luglio 2014

Insalata d'orzo perlato

Oggi, io e mia figlia, abbiamo provato a fare l’insalata con l’orzo perlato. Il risultato è stato eccellente. Questa insalata è ideale per l’estate, fresca e leggera ma molto saporita e, perché no, anche colorata.
Ottima da portare anche in spiaggia o per una scampagnata.
A piacere, si può sostituire l’orzo con il farro.

Orzo perlato   200-250 gr.
Pomodorini cherry
Rucola
Mais dolce
Feta
Olio extravergine di oliva
Sale
Pepe



Lessare l’orzo perlato in abbondante acqua salata, seguendo il tempo di cottura scritto sulla confezione (di solito circa 18-20 minuti di cottura).Scolarlo e farlo raffreddare.

Nel frattempo, tagliare i pomodorini a spicchietti, la feta a dadini e spezzettare la rucola con le mani.
 In una ciotola, mescolare l’orzo con i pomodorini, la rucola e la feta.
Condire dell’olio extravergine di oliva.

Unire sale e pepe



Se volete leggere la ricetta in inglese  cliccate qui
If you want to read this recipe in english  click here

mercoledì 2 luglio 2014

Succo di frutta alla pesca

Bastano pochissimi ingredienti per preparare un succo di frutta alla pesca. Avete mai pensato di farlo in casa? È semplicissimo e ci vuole veramente poco tempo.   Anche un modo per far mangiare frutta fresca ai propri figli. Si può fare con qualsiasi tipo di frutta.
Si può aumentare o diminuire la quantità di acqua se si vuole più o meno denso. Quello che ho ottenuto io è una consistenza media. Anche la quantità di zucchero ritengo che sia giusta, poi, ovviamente, dipende dai gusti.
Si può conservare in frigo per qualche giorno, Se, invece, si vuole consumare in inverno, è necessario sterilizzare prima la bottiglia e, poi, dopo averci messo il succo dentro, far bollire tutto insieme.
Provatelo….è davvero buonissimo!!!!

Io l’ho con il Bimby ma si può fare anche senza, naturalmente.


Polpa di pesca   380 gr.
Acqua   650 gr.
Zucchero   90 gr.
Succo di 1/ limone


Tagliare le pesche a pezzi e tenerle da parte.

Preparare lo sciroppo nel boccale inserendo l'acqua e lo zucchero e cuocere per 10 minuti  Temperatura 100°  Velocità 1.
Aggiungere la frutta a pezzi e portare lentamente da Velocità 1 a Velocità 7 per circa 10 secondi.
Quindi a Velocità Turbo per 25 secondi.
Unire il succo di limone e mescolare per 10 secondi.
Far raffreddare completamente e, poi, conservare in frigo se si vuole consumare nel giro di qualche giorno. Altrimenti mettere in bottiglie resistenti al calore, tappare ermeticamente e sterilizzare mediante ebollizione.