venerdì 6 febbraio 2015

Mazzamurru

Quante volte ci avanza del pane e, per non sprecarlo, si finisce col grattugiarlo? Oggi voglio suggerirvi il mazzamurru, piatto della tradizione sarda che nasce, anticamente,  come pietanza povera per riciclare il pane raffermo.

In origine, si utilizzava il brodo di pecora ma va benissimo un normalissimo brodo di carne.

E’ un piatto molto saporito e velocissimo da preparare.

Pane raffermo
Brodo
Cipolla
Aglio
Olio extravergine di oliva
Passata di pomodoro
Sale
basilico
Pecorino grattugiato
Brodo


Tagliare a fette il pane.

In un tegame, far soffriggere uno spicchio d’aglio e la cipolla tritata finemente con dell’olio extravergine di oliva.
Unire la passata di pomodoro e un pizzico di sale.
Far cuocere per circa 10 minuti.
A fine cottura, aggiungere alcune foglie di basilico.
Io ci metto anche un cucchiaino di zucchero.

In una pirofila mettere sul fondo del sugo di pomodoro e del pecorino grattugiato.
Immergere velocemente le fette di pane nel brodo e sistemarle nella pirofila.
Ricoprire con altro sugo e pecorino.

Altro strato di pane immerso nel brodo, sugo e pecorino.

Far riposare una decina di minuti.

Cuocere in forno a 180° per circa 15 minuti.

Nessun commento: